.
Annunci online

demopazzia
pensieri in libertà...
 
 




Frasi che mi accompagnano
:

Ho il culto delle cose
semplici. Sono l'ultimo
rifugio di uno spirito
complesso.
(Oscar Wilde)

Non l'Uomo ma gli
uomini abitano
questo pianeta. 
La pluralità è la
legge della terra.
(Hannah Arendt)

L'unica possibilità e
la condizione
pregiudiziale di
una ricostruzione
stanno proprio
in questo:
che una buona volta
le persone coscienti
ed oneste si
persuadano
che non è conforme
al vantaggio proprio
restare assenti dalla
vita politica e lasciare
quindi campo alle
rovinose esperienze
dei disonesti e  
degli avventurieri.
(Don Giuseppe Dossetti)

Ciò che noi facciamo
è una  goccia
nell'oceano, ma se
non lo facessimo
l'oceano avrebbe
una goccia in meno
(Madre Teresa di Calcutta)


Il problema degli
altri è uguale
al mio.
Sortirne insieme
è la politica.
Sortirne da soli
è l'avarizia.

(Don Lorenzo Milani)

L'autogiustificazione
è l'anticamera
della mediocrità
(Anonimo)


La regola della
politica non è
l'efficacia a
tutti i costi,
è la fecondità

(Maurice Merleau-Ponty)


Preferisco essere
un sognatore
fra i più umili, 
immaginando quel
che avverrà,
piuttosto
che essere signore
fra coloro che non
hanno sogni e
desideri
(Kahlil Gibran)

Alla lunga la vita

senza utopia
diventa irrespirabile
(Emile Cioran)

Alcuni uomini vedono

le cose come sono
e dicono:"Perchè?"
Io sogno le cose
come non sono
mai state e dico:
"Perchè no?"
(Bob Kennedy)


Un quadro che amo:




questo blog sostiene,
e non da oggi il...





tuo testo descrizione

banner kilombo

Una battaglia giusta:


Questo blog
sostiene:


www.fioridistrada.it 


  
Profilo Facebook di Luca Rizzo Nervo
ECONOMIA
22 ottobre 2007
Brutte notizie..
 Gli sconcertanti dati della Confesercenti sugli affari criminali
"La 'Mafia 'Spa è l'industria italiana che risulta più produttiva"

"La mafia? E' la prima azienda italiana"
Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno

<b>"La mafia? E' la prima azienda italiana"<br>Per Sos Impresa 90 mld di utili l'anno</b> 

ROMA - Con un utile annuo pari a 90 miliardi di euro, una cifra equivalente a cinque manovre finanziarie o, se si preferisce, alla somma di otto "tesoretti", l'"azienda mafiosa" si classifica al primo posto nella classifica dell'imprenditoria italiana. Un primato difficile da spodestare, dato che il giro d'affari che ruota intorno a sfruttamento della prostituzione, traffico di droga e armi, estorsione, rapine e usura non sembra conoscere crisi.

Il rapporto sulla criminalità di "Sos Impresa" della Confesercenti delinea un quadro drammatico. In base ai dati raccolti, l'usura rappresenta la principale fonte di business criminale per la mafia, con circa 30 miliardi di fatturato. Il racket frutta ai clan 10 miliardi, 7 miliardi arrivano dai furti e dalle rapine, 4,6 dalle truffe, 2 dal contrabbando, 7,4 dalla contraffazione e dalla pirateria, 13 dall'abusivismo, 7,5 dalle mafie agricole, 6,5 dagli appalti e "solo" 2,5 dai giochi e dalle scommesse.

Dati che fanno ancora più impressione, se messi in relazione a tutti gli organismi e ai cittadini coinvolti nel giro dell'illegalità. Il racket delle estorsioni coinvolge 160 mila commercianti italiani, con una quote di oltre il 20 per cento dei negozi e punte dell'80 per cento negli esercizi di Catania e di Palermo. I commercianti e gli imprenditori subiscono 1.300 reati al giorno, praticamente 50 l'ora.

La collusione degli imprenditori. "Uno degli elementi che colpisce maggiormente - sottolinea il documento - è l'espansione della cosiddetta "collusione partecipata", un fenomeno che investe il gotha della grande impresa italiana, soprattutto quella impegnata nei grandi lavori pubblici. Gli imprenditori preferiscono venire a patti con la mafia piuttosto che denunciare i ricatti".

Confesercenti fa anche alcuni nomi di aziende che hanno "ceduto" alla criminalità. "Il colosso Italcementi - si legge nel rapporto - è uno di quelli che ha ceduto alla morsa, supportando maggiori costi, assumendosi numerosi rischi ed agevolando, così, l'espansione economica della cosca dei Mazzagatti.

Anche per i lavori della Salerno-Reggio Calabria gli imprenditori sono stati costretti a trattare con le cosche calabresi. La Impregilo - sempre secondo Sos Impresa - aveva insediato nelle società personaggi che, secondo gli inquirenti "da sempre avevano avuto a che fare con esponenti della criminalità organizzata e con imprese di riferimento alle cosche".


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia economia sommersa

permalink | inviato da demopazzia il 22/10/2007 alle 14:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Feed
blog letto 1 volte